Come stai? – L’importanza della reciprocità anche in ufficio

Scopri come la reciprocità in ufficio può trasformare il benessere dei dipendenti e il successo aziendale

come stai

Le riflessioni che seguono sono frutto dell’esperienza di Giada Susca, esperta di Sviluppo Organizzativo e People Experience.

Siamo abituati a considerare la domanda ‘Come stai?’ più come una formula di cortesia piuttosto che una vera domanda sul nostro stato emotivo, soprattutto se viene fatta sul posto di lavoro.

Il concetto di benessere sul lavoro, infatti, rischia spesso di rimanere un concetto astratto anziché una realtà tangibile. Tuttavia, riconoscere l’importanza delle relazioni e della reciprocità all’interno dell’ambiente lavorativo è fondamentale per promuovere davvero il benessere dei dipendenti e, di conseguenza, il successo dell’azienda.

Perchè implementare la reciprocità in ufficio

Quando si parla di reciprocità sul posto di lavoro, si fa riferimento alla capacità di riconoscere il valore dell’altro, supportarlo in caso di necessità, ascoltare le sue esigenze, valorizzare il lavoro che svolge e fare squadra, tra i colleghi indipendentemente dal ruolo gerarchico.

Perché la reciprocità è cruciale per il benessere in ufficio? 

In primo luogo, promuove un senso di collaborazione e appartenenza al team e all’azienda. Questo si traduce in fidelizzazione, produttività e proattività.

In secondo luogo, la reciprocità aiuta a creare un ambiente lavorativo positivo. Questo comporta una comunicazione trasparente, maggiore fiducia e un approccio risolutivo ai problemi e ad eventuali periodi di maggiore stress lavorativo.

Infine, la reciprocità a lavoro contribuisce al miglioramento del benessere psico-fisico del singolo individuo che si sente visto, ascoltato, considerato, apprezzato e supportato. Sentirsi bene a lavoro significa lavorare meglio.

La reciprocità si manifesta in molteplici modi:

  • ascolto attivo
  • condivisione delle risorse
  • organizzazione di compiti e responsabilità
  • rispetto reciproco
  • promozione di un clima positivo
  • sostegno professionale
  • feedback costruttivo
  • celebrazione di successi altrui
  • flessibilità e adattabilità
  • cura degli spazi comuni

I protagonisti del benessere reciproco

La reciprocità in ufficio riguarda tutte le Persone che fanno parte dell’Organizzazione. Non deve essere visto come un compito che spetta solo ai responsabili delle Risorse Umane.

Ogni membro del team ha un ruolo all’interno dell’azienda e deve essere disposto ad offrire il proprio contributo per il successo della squadra. Questo significa modificare o sviluppare ulteriormente il proprio approccio al lavoro rendendolo positivo e proattivo per creare un clima di reciprocità, riconoscendo e apprezzando il contributo di tutti e mostrando empatia e sostegno verso gli altri.

 La reciprocità per il successo complessivo

Il concetto di benessere in ufficio va oltre il semplice fornire uno spazio confortevole, dell’attrezzatura all’avanguardia e alcuni servizi accessori. Si tratta di un concetto molto più ampio che include la promozione della felicità, la soddisfazione e la produttività delle Persone che compongono l’Organizzazione. Il benessere in ufficio, infatti, non deve essere prerogativa di un singolo individuo, deve coinvolgere tutti e tutti, devono sentirsi responsabili. 

La prossima volta che si fa o si riceve la tipica domanda ‘Come stai?’ proviamo a prenderci un attimo prima di dare spazio all’automatismo della risposta convenzionale “bene grazie e tu?”. In questo modo potremmo iniziare un nuovo percorso basato sulla consapevolezza e l’impatto che possiamo generare con nostri piccoli gesti quotidiani di cura e benessere.

Scroll to Top